Huanuco


É passato circa un mese da quando io e Carlos, il mio compagno di viaggio spagnolo, siamo arrivati nella vivace e brullicante cittadina di Huánuco a 2000 m d'altezza rispetto al livello del mare e alle porte della foresta Amazzonica. Dopo aver trascorso circa quattro giorni nella grigia e umida Lima finalmente un po' di sole e colori sgargianti. Dopo circa 11 terribili ore di viaggio in autobus, nel tratto Lima-Huánuco, io e Carlos siamo finalmente scesi alla fermata dell'autobus di Huánuco dove ad aspettarci c'era Rudy, il padre della famiglia che ci sta ospitando. La moglie di Rudy è la gioia delle mie giornate in quanto oltre ad essere una settantenne piena di vita e dinamica, è anche una bravissima pasticcera artigianale che ogni giorno sforna decine e decine di kekes (torte) per i vari compleanni, anniversari, matrimoni della città. Fin da subito mi sono dunque sentita a casa qui in calle Jiron Libertad, in quanto l’atmosfera che viene a crearsi grazie al continuo sfornare di dolci è molto divertente e calorosa. Il clima risulta essere accogliente e frizzante, diciamo che casa nostra può essere considerata il classico “porto di mare” in cui le mujeres peruanas sono solite trascorrere buona parte delle loro giornate sia per aiutare la signora Dorita a fare le torte sia per farci visita. La mattina pertanto sono solita svegliarmi con un profumino di torta alle mandorle e uvetta che aleggia poi per tutta la casa durante l’intera giornata, in particolare durante il fine settimana quando il lavoro si concentra maggiormente. Dopo aver fatto colazione mi reco al mercato dove inizia la mia giornata lavorativa. Il progetto a cui mi sto volontariamente dedicando si chiama “Yachay” che in lingua quechua significa aprender (imparare) ed è un progetto del Ministerio de las Mujeres y de las Poblaciones Vulnerables dedicato ai bambini che lavorano in strada. L’obiettivo principale è dunque quello di cercare di togliere i minori dal lavoro in strada fornendo loro un punto d’appoggio e un luogo di riferimento. Il luogo in cui los educadores de calle sono soliti operare è il mercato e precisamente a Huánuco ce ne sono quattro all’interno dei quali c’è una piccola saletta con banchi , giochi, materiali vari per i bambini. L’attività a cui io mi sono dedicata durante questo primo mese è stata quella di supportare i bambini durante 4 ore al giorno (due la mattina e due la sera) facendogli fare i compiti e giocando un po’ con loro. I bimbi che si recano al Centro de Referencia, altrimenti detto escuelita, del Mercado Modelo hanno all’incirca tra i 6 e gli 11 anni e sono figli di ambulanti e venditori callejeros vari. Sono figli di quella parte di popolazione peruviana che vive nel Sierro (il monte che circonda Huánuco), gente così detta povera a cui viene negato l’accesso a diversi beni e servizi come per esempio l’acqua e l’elettricità in casa. La maggior parte delle famiglie è composta dalla madre e da tre, quattro, cinque, sei figli….spesso il padre non c’è più o perché è scappato o perché maltrattava la madre la quale si è trovata costretta a separarsi. Purtroppo il maschilismo e la violenza è ancora imperante all’interno della società peruviana e in particolare all’interno degli strati sociali bassi o poveri in cui le madri faticano a dar da mangiare quotidianamente ai loro figli. Durante il giorno normalmente i bambini si recano a scuola e poi, il pomeriggio, vengono a farci visita alla escuelita dove fanno i compiti e giocano. Ora per esempio stiamo costruendo delle maschere per l’avvento della festa di Halloween, la settimana scorsa invece siamo andati in piscina, sabato prossimo andremo a fare una passeggiata al parco, giusto per far loro conoscere anche altre parti della città. Oltre a quest’attività con i bambini, gli educatori e i volontari cercano di ricavare del tempo per andare a parlare con i professori a scuola, per andare a trovare le famiglie a casa e per fare delle riunioni con i genitori (solitamente una volta al mese). L’affluenza alle riunioni è abbastanza bassa: considerando che per ogni Centro ci sono circa 40/45 bambini, le mamme presenti alla riunione sono solitamente una decina e questo a causa dell’impegno lavorativo delle stesse. Spesso inoltre si trovano in difficoltà a lasciare la bancarella per partecipare agli incontri quindi l’educatrice, dopo la riunione va a trovarle e cerca di spiegare loro ciò che è stato detto. Basicamente durante questi incontri si cerca di dare loro delle nozioni di educazione famigliare base, si cerca di far loro capire che i vecchi metodi violenti, sono oggigiorno superati. Non è sempre facile costruire una comunicazione efficace in quanto molte donne non parlano spagnolo castigliano e poi perché sono solite addormentarsi durante le riunioni a causa della stanchezza motivo per cui l’educatrice Elizabeth cerca di tenerle sveglie attraverso esercizi ginnici cosicchè da strappar loro anche qualche sorriso.

Infine, le giornate a Huánuco terminano presto, alle 20:00 già le persone si riuniscono all’interno delle loro case per cenare e guardare la televisione. La sera infatti i huanuqueñi non sono soliti uscire se non durante il fine settimana quando vanno al bar a bere cervezas e aguardiente o a ballare ritmi latini, in particolare il reggaeton. Dopo un mese trascorso qui in Perù posso azzardare a dire che non è facile entrare nelle simpatie dei peruviani i quali sembrano essere molto timidi e riservati, con poca voglia di conoscere gli stranieri (forse anche perché non sono abituati ai turisti). Al momento l’unica persona con cui sono riuscita a stringer un rapporto di semi conoscenza è Juvenal, un ragazzo peruviano di trent’anni che lavora con me presso Yachay e che sta studiando per fare un dottorato in psicologia. Con lui è molto piacevole dialogare davanti ad un caldo thè presso Caffè Ortiz o nel suo locale “Romepecabeza”. Per ora da Huanuco è tutto! Hasta pronto!!!

#EVSHAPPY #EVS20 #Italy #PERÚ

Featured Posts
Próximamente habrá aquí nuevas entradas
Sigue en contacto...
Recent Posts
Archive
Search By Tags
No hay tags aún.
Follow Us
  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Google+ Social Icon
Sign up for newsletter

I have read and accept the privacy policy

Sign me up for your newsletter

The Cazalla Intercultural Association informs you that the personal data that you provide by filling in this form will be treated by Cazalla Intercultural Association responsible for this website.

The purpose of the collection and processing of personal data that I request is to manage the subscription to this subscription and send periodic bulletins with information and prospective offer of products or services.

Legitimation: Consent of the interested party.

As a user and interested I inform you that the data you provide will be located in the Wix servers (email marketing provider of BeVolunteer) within the EU. See Wix privacy policy. (https://www.wix.com/about/privacy).

The fact that you do not enter the personal data that appears on the form as mandatory may have the consequence that your request can not be answered.

You can exercise your rights of access, rectification, limitation and deletion of the data in info@cazalla-intercultural.org as well as the right to submit a claim to a control authority.

You can consult the additional and detailed information on Data Protection on my website: http://www.bevolunteer.net, as well as consult my privacy policy.

  • White Facebook Icon
  • White Instagram Icon
  • White Twitter Icon

Coordinated by:

This project has been funded with support from the European Commission. This website reflects the views only of the author, and the Commission cannot be held responsible for any use which may be made of the information contained therein.

LEGAL